Come forzare l’indicizzazione di un URL su Google

L’indicizzazione dei contenuti del nostro sito segue, di norma, un processo naturale: entro qualche ora, o al limite un giorno o due, ogni nuova pagina che pubblichiamo e che rispetti determinati requisiti (sia scansionabile, sia presente nel feed RSS e/o nella sitemap XML del sito) sarà automaticamente acquisita dai motori di ricerca. Ci sono casi, tuttavia, in cui questo non accade: nella mia esperienza può capitare un ritardo di diversi giorni, per una sorta di effetto sandbox o, detta diversamente, un “rallentamento” dell’indicizzazione di alcune pagine. Questo, secondo alcuni, avviene soprattutto per le chiavi di ricerca più concorrenziali, proprio al fine di evitare o limitare il fenomeno dello spamdexing (spam dei motori di ricerca).

Nel caso in esame, tuttavia, le cose sono leggermente più semplici, e così cercheremo di mantenerle nel seguito: se (caso tipico) gli ultimi articoli del vostro blog non venissero indicizzati, potete tentare una indicizzazione “mirata” mediante Search Console.

Per verificare se una pagina o un sito è indicizzato, cerca su Google site:nometuosito.com oppure cerca direttamente l’URL che non ti sembra indicizzato correttamente nella casella di ricerca. In alternativa, leggi la guida contro le penalizzazioni per saperne di più.

Apriamo la Search console (https://www.google.com/webmasters/tools), andiamo a scegliere l’indirizzo del sito in oggetto ed apriamo quindi la finestra Scansione, selezionando Visualizza come Google.

Schermata 2016-04-29 alle 10.09.14Nella finestra che vedremo, dovremmo trovare un box di testo: in esso andremo ad inserire parte dell’URL che non viene indicizzato, e cliccheremo su Recupera. Confermando la nostra scelta, apparirà una nuova riga in basso.

Schermata 2016-04-29 alle 10.11.58

Clicchiamo quindi sul bottone Invia all’indice.

Per confermare l’invio dell’URL, selezioniamo una delle due opzioni a seconda di quello che ci serve (solo la pagina in esame o anche quelle collegate da essa mediante link diretto), spuntiamo il Recaptcha e confermiamo col bottone Vai.

Schermata 2016-04-29 alle 10.13.16

Fate attenzione, inoltre, ad una cosa fondamentale: il numero di invii con questa tecnica è limitato, per cui non si tratta di uno strumento di cui abusare. Per indicizzare (o tentare di farlo) il numero massimo di pagine possibili, eseguitelo sulla home (non scrivete nulla nel box testo) e spuntate l’opzione “Esegui la scansione di questo URL e dei relativi link diretti“. Se 1) il sito è ben strutturato come link interni e navigazionali, e 2) se non ci sono direttive noindex inserite in modo scorretto, dovreste riuscire a forzare la reindicizzazione globale del sito – che comunque rimane un “caso limite”, neanche troppo comune nella mia esperienza. Il più delle volte è meglio reindicizzare singole pagine importanti, ma questo soltanto se avete fatto modifiche di rilievo alla pagina o se la stessa sembra “invisibile” a Google.

La cosa davvero interessante che ho osservato, in questi casi, è che l’acquisizione nell’indice è in molti casi instantanea: questo permette di caricare la vostra pagina, ammesso che ci siano le condizioni per farlo, in modo diretto all’interno di Google e renderla immediatamente ricercabile.

...non andare via!

In questo sito trovi tutorial, articoli sulla SEO e suggerimenti per la tua attività online: scoprili adesso!

Leggi anche

Ottimizzare un sito in ottica SEO: indicazioni di ... Fare SEO per il tuo sito può essere spesso un'esperienza stimolante e ricca di spunti sempre nuovi, a patto di disporre della sufficente flessibilità ...
Come fare link building senza fare stupidate La link building è forse una delle principali attività per condurre campagne SEO efficaci, e consiste nel generare con varie tecniche dei link in ingr...
Condizioni d’uso per le consulenze SEO Con questo nuovo articolo vorrei brevemente segnalare un modello di condizioni d'uso, rilasciate da me con licenza Creative Commons, utilizzabili per ...
SEO e WordPress: la guida che pensa fuori dal greg... Iniziamo in questi termini: non esiste una SEO specifica per WordPress, e chi sostiene il contrario è mal informato o in malafede del tutto. Molte sce...
8 punti critici per ottimizzare un sito multilingu... Realizzare un sito multilingua è difficile già di suo e, come spiegavo anche in un altro articolo (leggi: Come realizzare un sito multilingua), includ...
Come indicizzare un sito Premessa Indicizzare un sito, senza scendere in dettagli tecnici, equivale a "farlo conoscere" ad un motore di ricerca (Bing, Google, ecc.) in modo c...