I blogger possono aiutare il tuo brand

In un articolo pubblicato su white.net, Farah Ali indica brevemente 7 motivi per cui è opportuno che un brand venga citato all’interno di un blog. Ho sempre sostenuto l’importanza di questa pratica, e questo parte da una considerazione molto semplice: la maggioranza dell’informazione che fluisce sui social network come sui motori di ricerca è prodotta, piaccia o meno, dall’editoria digitale. Che sia fatta bene o male non mi interessa discuterlo, e non voglio perdermi su questo argomento anche se ho le idee piuttosto chiare in merito: mi interessa focalizzare un altro punto.

Quello che mi preme sottolineare, insomma, e che molte aziende secondo me oggi ancora non capiscono, è legato proprio ai blog degli utenti come strumento di promozione. L’importanza dei backlink da blog, del resto, è confermata sia dal buonsenso che da Google (vedi in particolare il punto Google accetta o no che si faccia link building?), ma dovrebbe a mio avviso essere presa con più cautela di quanto faccia Ali nel suo articolo.

Se è vero, infatti, che le sette ragioni per essere citati o linkati su un blog sono certo valide, vanno prese con le pinze: possiedono delle controindicazioni, ben bilanciate dagli aspetti positivi. Bisogna capire che fare una cosa del genere strategicamente va pianificato a dovere, e non è da tutti riuscire a farlo.

Secondo l’autore del post, i blogger infatti:

  1. possono porre il brand al centro dell’attenzione;
  2. sono a stretto contatto con la tua audience di riferimento;
  3. favoriscono l’espansione del tuo brand sui social network;
  4. ti portano traffico;
  5. ti fanno “sembrare figo” (sic);
  6. sono ottimi in chiave SEO, soprattutto perchè (in genere) i backlink dagli articoli sui blog sono molto contestualizzati ed altrettanto duraturi nel tempo;
  7. un blogger “amico” può diventare una specie di “agente di vendita” del tuo brand, a patto che i suoi lettori non gli si rivoltino contro perchè lo sta facendo, ovviamente.

bisognerebbe fare una certa attenzione alle controindicazioni. Non fosse altro che i punti visti possono rivoltarsi contro di te, ad esempio con una recensione negativa (ne conosco alcune che, addirittura, puntano sulla recensione negativa pur utilizzando link affiliati!). Stabilendo le giuste condizioni per la diffusione del brand, o facendo in modo di porre le condizioni ideali perchè ciò accada spontaneamente, i blogger possono, certamente, diventare gli agenti di vendita del tuo sito web.

Di fatto molti già lo sono diventati, per quanto gli utenti si stiano addestrando, anno dopo anno, a riconoscere le recensioni farlocche (anche solo perchè infarcite di link affiliati), per cui presto o tardi sarà necessario trovare delle alternative più credibili. Nel frattempo, che sia un guest post che un’intervista o altro, la vostra comparsa nella blogosfera può dare una spinta enorme al sito della vostra azienda, ammesso che abbiate saputo fare le cose come si deve.

(tratto e rielaborato liberamente da How can bloggers help my brand)

Se vuoi, puoi dare un voto a questo articolo.