Il PageRank è morto per la 300 milionesima volta

La barretta pubblica del PageRank, lo storico indice di Google nonchè il più frainteso e sopravvalutato indice SEO al mondo, sembra che sia stato ufficialmente spento: riporta la notizia Pagetrafficbuzz che cita Google:

PageRank is something that we haven’t updated for over a year now, and we’re probably not going to be updating it again gong forward, at least the Toolbar version.

Questa notizia non significa assolutamente niente in termini SEO, perchè comunque non da’ un’indicazione sul come e sul cosa (potrebbe essere irrilevante o meno per il ranking, ma il fatto che la barretta sia dismessa vuol dire semplicemente che Google non ha interessa a mostrarcene il valore, non che non voglia più usarlo o che vada valorizzato o ignorato: insomma, aria fritta).

Il PageRank del resto è una specie di zombi, del resto era morto pure nel 2014:

Google Toolbar PageRank Finally & Officially Dead?

Era morto nel 2015:

http://mysiteauditor.com/blog/is-google-pagerank-dead/

ed è morto anche quest’anno, a quanto rimarcano:

https://www.entrepreneur.com/article/269574

Nel 2012 non stava benissimo, nel 2011 insomma, potrebbe andare meglio, nel 2010 eri un matusa se parlavi di PageRank, e così via. Nel 1986, tanto per dire, non avevano le idee troppo chiare sul PageRank.

Voglio dire, qualsiasi anno consideriamo viene fuori che il PageRank è morto: 1901, 1917, 1704, 1200, 1406.

Insomma il principio non cambia, e sempre più spesso ci ritroviamo qui a parlare delle stesse, inutili cose invece di lavorare.

Non state a farvi i pipponi sul PageRank, non è fare SEO ed è anche piuttosto fuorviante. Da un lato forse è più importante la pseudo notizia acchiappa click per favorire le discutibili elucubrazioni mentali di certuni, che non la reale sostanza del fenomeno. Cioè che esiste un problema di scarsa misurabilità dei fattori SEO, e che anche se il PR fosse l’ultima e sola chance per posizionare un sito (e non è così) sarebbe decisamente problematico incentrare qualsiasi sforzo SEO su di esso.

Non so più come ribadirlo e farlo capire meglio di così.

Leggi anche
Addon di Firefox utili in ambito SEO Se utilizzate abitualmente Firefox questi addon potranno essere utili per il vostro lavoro di SEO. Vediamo di che si tratta: ovviamente si tratta di t...
Perchè stiamo travisando l’article marketing... È possibile fare decentemente article marketing senza farsi prendere a pesci in faccia? È una domanda che mi pongo da quando ho iniziato ad occuparmi ...
La SEO italiana ha questi problemi: e se non li ri... Dopo aver analizzato le principali difficoltà di chi fa SEO nel nostro paese, che ne dite di passare ad una fase più "propositiva"? Eccovi quattro sug...
Quando Google ti penalizza più volte Un nuovo post pubblicato sul blog per webmaster di Google (Repeated violations of Webmaster Guidelines) richiama l'attenzione dei webmaster vittima di...
Correlazione & SEO, un equivoco che va avanti... In mancanza d'altro, si effettuano (e si analizzano) spesso in ambito SEO studi di natura statistica che tendono a legare "cause" (backlink acquisiti,...
La prima pagina su Google non deve essere un’... Secondo varie definizioni di SEO che si sentono o leggono in giro, lo scopo delle ottimizzazioni è quello di "migliorare (o mantenere un elevato) posi...