Perchè anchor text e backlink potrebbero non bastare in qualsiasi strategia SEO

Chiunque sappia di SEO – anche per sentito dire – è piuttosto sicuro che i backlink in ingresso e le anchor text annesse ad un sito siano molto rilevanti per determinare il posizionamento su Google e Bing delle pagine di un sito. Tanto da far scattare un meccanismo di emulazione da parte di moltissimi, che ragionano nei termini “se un competitor grosso possiede X backlink di tipo A e Y di tipo B, se lo faccio anch’io … salirò anch’io nei ranking!“.

Strumenti gratuiti ed a pagamento, o un po’ di esperienza con gli operatori di ricerca, permettono di stimare – anche alla buona – quantità e qualità di backlink della concorrenza: resta pero’ il fatto che questa strategia, da sola, non basta e non può bastare. Di fatto, questo approccio è corretto nella misura in cui considera i contenuti dei siti: ovvero, quei siti famosi sono in prima pagina di Google solo per i backlink, o anche per il tipo di contenuti e servizi che offrono? Un sito di poker, tanto per citare un settore molto competitivo, sicuramente deve offrire servizi di qualità, che siano apprezzati dagli utenti e siano concreti: se non è così, la sua stabilità nei risultati di ricerca sarà inevitabilmente, prima o poi, poco duratura e labile.

Quindi, se vogliamo davvero, entrare in concorrenza nel settore dovremmo anche noi offrire un servizio delgenere: dare la possibilità agli utenti di giocare a poker, altrimenti solo coi backlink dove crediamo di andare? Molti affiliati, ad esempio, cadono spesso in questo tranello mentale di ragionare solo sui link in ingresso, senza badare che non ha senso, sotto nessun punto di vista, che un blog affiliato di bassa qualità vada a fare concorrenza ad un grosso competitor del settore. In molti casi, di fatto, i siti affiliati non riescono ad entrare nelle grosse competizioni di ranking proprio per un limite mentale, oltre che di budget, insito nelle politiche scelte.

Su Google, per la cronaca, in questo ambito si sfrutta spesso l’operatore inanchor: per chiavi di una parola e allinanchor: per chiavi di più parole, al fine di scovare tutti i siti che utilizzano l’anchor text indicata in un link: si tratta di un operatore non più ufficialmente documentato da Google, che viene descritto su siti non ufficiali e la cui precisione è quantomeno dubbia. Di fatto, la ricerca di un termine coincide spesso, in termini di risultati, con quella dell’operatore in questione.

Leggi anche
La SEO italiana ha questi problemi: e se non li ri... Dopo aver analizzato le principali difficoltà di chi fa SEO nel nostro paese, che ne dite di passare ad una fase più "propositiva"? Eccovi quattro sug...
Il PageRank è morto per la 300 milionesima volta La barretta pubblica del PageRank, lo storico indice di Google nonchè il più frainteso e sopravvalutato indice SEO al mondo, sembra che sia stato uffi...
Il consulente SEO deve conoscere l’argomento... Domanda che in molti si sono fatti: se sono un SEO esperto posso ottimizzare qualsiasi sito, dai casinò online agli e-commerce di ricambi per l'auto? ...
7 idee sbagliate in ambito SEO che ti hanno fregat... Pensare che ciò che apparentemente ha funzionato per un competitor funzioni anche per te. In molte consulenze il cliente ha la presunzione di saper...
La “viralità” non si vende: non è un p... Con questo post mi piacerebbe chiarire una cosa che è rientrata in parecchie discussioni in passato, e che riguarda un’idea molto amata (a ragione) da...
Google Update: ecco perchè non ti serve aggiornart... È noto che le principali ossessioni dei SEO siano gli update ed i brevetti di Google; può darsi ne esistano anche altre, ovviamente, ma queste sono an...