Perchè anchor text e backlink potrebbero non bastare in qualsiasi strategia SEO

Chiunque sappia di SEO – anche per sentito dire – è piuttosto sicuro che i backlink in ingresso e le anchor text annesse ad un sito siano molto rilevanti per determinare il posizionamento su Google e Bing delle pagine di un sito. Tanto da far scattare un meccanismo di emulazione da parte di moltissimi, che ragionano nei termini “se un competitor grosso possiede X backlink di tipo A e Y di tipo B, se lo faccio anch’io … salirò anch’io nei ranking!“.

Strumenti gratuiti ed a pagamento, o un po’ di esperienza con gli operatori di ricerca, permettono di stimare – anche alla buona – quantità e qualità di backlink della concorrenza: resta pero’ il fatto che questa strategia, da sola, non basta e non può bastare. Di fatto, questo approccio è corretto nella misura in cui considera i contenuti dei siti: ovvero, quei siti famosi sono in prima pagina di Google solo per i backlink, o anche per il tipo di contenuti e servizi che offrono? Un sito di poker, tanto per citare un settore molto competitivo, sicuramente deve offrire servizi di qualità, che siano apprezzati dagli utenti e siano concreti: se non è così, la sua stabilità nei risultati di ricerca sarà inevitabilmente, prima o poi, poco duratura e labile.

Quindi, se vogliamo davvero, entrare in concorrenza nel settore dovremmo anche noi offrire un servizio delgenere: dare la possibilità agli utenti di giocare a poker, altrimenti solo coi backlink dove crediamo di andare? Molti affiliati, ad esempio, cadono spesso in questo tranello mentale di ragionare solo sui link in ingresso, senza badare che non ha senso, sotto nessun punto di vista, che un blog affiliato di bassa qualità vada a fare concorrenza ad un grosso competitor del settore. In molti casi, di fatto, i siti affiliati non riescono ad entrare nelle grosse competizioni di ranking proprio per un limite mentale, oltre che di budget, insito nelle politiche scelte.

Su Google, per la cronaca, in questo ambito si sfrutta spesso l’operatore inanchor: per chiavi di una parola e allinanchor: per chiavi di più parole, al fine di scovare tutti i siti che utilizzano l’anchor text indicata in un link: si tratta di un operatore non più ufficialmente documentato da Google, che viene descritto su siti non ufficiali e la cui precisione è quantomeno dubbia. Di fatto, la ricerca di un termine coincide spesso, in termini di risultati, con quella dell’operatore in questione.

Se vuoi, puoi dare un voto a questo articolo.

Leggi anche

Perchè alcuni siti di bassa qualità finiscono in p... Motivo di angoscia e terrore per moltissimi addetti ai lavori, vedere risultati di ricerca con siti molto vecchi, scadenti e soprattutto irremovibili ...
6 errori clamorosi nelle attività SEO che forse ha... In molte consulenze di ottimizzazione per i motori di ricerca è facile, per non dire quasi inevitabile, cadere in uno degli errori elencati di seguito...
Link earning: quando prendere un backlink naturale... Fare SEO è in generale un'attività stimolante e priva di confini, molto adatta per chi possieda una buona dose di flessibilità mentale e sappia mescol...
La SEO italiana ha questi problemi: e se non li ri... Dopo aver analizzato le principali difficoltà di chi fa SEO nel nostro paese, che ne dite di passare ad una fase più "propositiva"? Eccovi quattro sug...
Bufale SEO: l’uso sconsiderato delle stopwor... I blog SEO di qualche anno fa (ma anche quelli più recenti, per la verità) hanno saputo dispensare delle "perle" in termini di inesattezze, errori gro...
Fare SEO su un sito senza spendere un capitale L'attività SEO viene spesso associata ad un lavoro sostanzialmente economico, o addirittura ultra-low cost, quantomeno per come viene percepito (male)...