Perchè anchor text e backlink potrebbero non bastare in qualsiasi strategia SEO

Chiunque sappia di SEO – anche per sentito dire – è piuttosto sicuro che i backlink in ingresso e le anchor text annesse ad un sito siano molto rilevanti per determinare il posizionamento su Google e Bing delle pagine di un sito. Tanto da far scattare un meccanismo di emulazione da parte di moltissimi, che ragionano nei termini “se un competitor grosso possiede X backlink di tipo A e Y di tipo B, se lo faccio anch’io … salirò anch’io nei ranking!“.

Strumenti gratuiti ed a pagamento, o un po’ di esperienza con gli operatori di ricerca, permettono di stimare – anche alla buona – quantità e qualità di backlink della concorrenza: resta pero’ il fatto che questa strategia, da sola, non basta e non può bastare. Di fatto, questo approccio è corretto nella misura in cui considera i contenuti dei siti: ovvero, quei siti famosi sono in prima pagina di Google solo per i backlink, o anche per il tipo di contenuti e servizi che offrono? Un sito di poker, tanto per citare un settore molto competitivo, sicuramente deve offrire servizi di qualità, che siano apprezzati dagli utenti e siano concreti: se non è così, la sua stabilità nei risultati di ricerca sarà inevitabilmente, prima o poi, poco duratura e labile.

Quindi, se vogliamo davvero, entrare in concorrenza nel settore dovremmo anche noi offrire un servizio delgenere: dare la possibilità agli utenti di giocare a poker, altrimenti solo coi backlink dove crediamo di andare? Molti affiliati, ad esempio, cadono spesso in questo tranello mentale di ragionare solo sui link in ingresso, senza badare che non ha senso, sotto nessun punto di vista, che un blog affiliato di bassa qualità vada a fare concorrenza ad un grosso competitor del settore. In molti casi, di fatto, i siti affiliati non riescono ad entrare nelle grosse competizioni di ranking proprio per un limite mentale, oltre che di budget, insito nelle politiche scelte.

Su Google, per la cronaca, in questo ambito si sfrutta spesso l’operatore inanchor: per chiavi di una parola e allinanchor: per chiavi di più parole, al fine di scovare tutti i siti che utilizzano l’anchor text indicata in un link: si tratta di un operatore non più ufficialmente documentato da Google, che viene descritto su siti non ufficiali e la cui precisione è quantomeno dubbia. Di fatto, la ricerca di un termine coincide spesso, in termini di risultati, con quella dell’operatore in questione.

...non andare via!

In questo sito trovi tutorial, articoli sulla SEO e suggerimenti per la tua attività online: scoprili adesso!

Leggi anche

I 12 miti SEO più pericolosi di sempre Non è arte, non è una scienza esatta e periodicamente ci fa disperare, divertire e lavorare duramente: nel mondo dell'ottimizzazione e della sua divul...
Professione SEO: verità, mistificazione e mitologi... La figura del SEO sta lentamente emergendo dalla nicchia in cui inizialmente era relegata (si faceva SEO mediante notizie, fughe di dati e rivelazioni...
La keyword density ci può mandare fuori strada Keyword density, che passione: non fosse per lei l'argomento SEO avrebbe perso certamente molto del suo fascino. Si tratta di un'argomento dibattuto (...
Perchè gli indici SEO non servono a niente In rete trovati molti indici SEO di riferimento, soprattutto nelle procedure di compra-vendita dei domini PageRank, PA, PD, AlexaRank e molte altre. L...
Strategie di link building per cattive persone Acquisto di link - Ci sono numerose strategie per comprare i link che possono esserci utili: ovviamente bisogna saper valutare se ne vale la pena (nel...
Fare SEO su un sito senza spendere un capitale L'attività SEO viene spesso associata ad un lavoro sostanzialmente economico, o addirittura ultra-low cost, quantomeno per come viene percepito (male)...