SEO “fast & furious”: guida pratica

La fretta, si sa, è cattiva consigliera: e questo vale soprattutto in ambito ottimizzazione per i motori di ricerca, non fosse altro che si tratta di un lavoro i cui benefici, se ben realizzato, si concretizzano soltanto nel lungo periodo. Eppure in certi casi serve un approccio SEO “sporco e cattivo”, e senza sconfinare nel cappello nero / black hat andremo a vedere, oggi, come (e se) sia possibile fare SEO veloce e senza fronzoli.

Di solito non è possibile farlo: il tempo di realizzazione di una consulenza SEO, infatti, tende ad allungarsi per una serie di ragioni:

  • tempi di approvazione dei link (DMOZ e qualsiasi altro sito abbia una politica editoriale non banale);
  • tempi di ricerca delle fonti;
  • brainstorming;
  • fase di try & test;
  • valutazione dei risultati.

Fermo restando quanto scritto, ed il fatto che raramente prima di 6 mesi vedrete dei risultati concreti, un lavoro SEO rapido potrebbe operare (ed usualmente opera) sull’incremento del volume di traffico sul sito, cioè portare più visitatori attivi ed interessati agli argomenti del sito possibili. Per farlo, si può anzitutto ricorrere ai forum tematici, con il massimo rispetto della netiquette dei siti e senza abusare degli spazi altrui. Per aggirare questi “blocchi”, il SEO potrebbe (nel breve periodo) concepire delle aree tematiche del sito che siano potenzialmente linkabili, ad esempio un blog o un’area di free download e via dicendo, ovviamente pertitente al resto del sito. I benefici non si noteranno subito, ma quantomeno avremo fatto qualcosa di intelligente per il nostro sito e favorito la circolazione del brand nel lungo periodo.

Per portare velocemente traffico al sito, del resto, si può sfruttare un sito come OkNotizie o fai.informazione, a patto che il vostro sito ospiti notizie e che siano abbastanza interessanti per l’utente medio (postare comunicati stampa o “abbiamo aperto una nuova sezione del nostro sito” non è interessante quasi per nessuno, per intenderci). Un altro modo per fare link building rapida, ovviamente, è quello di ricorrere alle directory, specialmente quelle riservate alle aziende piuttosto che quelle, più orientate allo spam che altro, generaliste. Altre strategie sono da valutarsi nel medio-lungo periodo.

Leggi anche
Cosa fare se un sito non appare su Google Uno dei comportamenti più difficili da affrontare in ambito SEO riguarda il caso in cui il nostro sito non appare per nulla o viene ignorato dai motor...
Guida rapida al Google Disavow Tool In questo articolo proverò a descrivere nel dettaglio il funzionamento del link per il disavow dei link, cioè il tool ufficiale di Google che permette...
I blogger possono aiutare il tuo brand In un articolo pubblicato su white.net, Farah Ali indica brevemente 7 motivi per cui è opportuno che un brand venga citato all'interno di un blog. Ho ...
Guida gratuita SEO Vuoi scoprire tutti i segreti della SEO? Sapere meglio come funziona, come si fa, cosa ti serve sapere e come agire? Questa è guida per SEO principian...
Come indicizzare un sito Premessa Indicizzare un sito, senza scendere in dettagli tecnici, equivale a "farlo conoscere" ad un motore di ricerca (Bing, Google, ecc.) in modo c...
8 punti critici per ottimizzare un sito multilingu... Realizzare un sito multilingua è difficile già di suo e, come spiegavo anche in un altro articolo (leggi: Come realizzare un sito multilingua), includ...