Correlazione & SEO, un equivoco che va avanti da secoli

In mancanza d’altro, si effettuano (e si analizzano) spesso in ambito SEO studi di natura statistica che tendono a legare “cause” (backlink acquisiti, variazioni nel title del sito, ecc.) ad “effetti” (miglior posizionamento di una pagina per il termine X): le virgolette sono d’obbligo, in questo caso, altrimenti sarei già partito col piede sbagliato. Non è raro che escano fuori studi che, ad esempio, mettono in correlazione il tipo di title utilizzato con il posizionamento. Uno dei modus operandi più diffuso era quello di inserire la parola chiave all’inizio del titolo, il che dovrebbe produrre effetti benefici al posizionamento.

Al di là delle obiezioni sul metodo, c’è da chiedersi se il metodo funzioni o meno: la vera domanda, pero’, è chiedersi se c’è modo di accertarsi che quel metodo sia effettivo. Siccome i fattori SEO non sono quantificabili se non “a spanne”, è praticamente impossibile fissare l’attenzione su un singolo aspetto che governi tutto il resto. Quindi, detta brutalmente, tutti gli studi che evidenziano fattori di correlazione tra eventi sono puro intrattenimento per il lettore, non suggeriscono alcuna “regola” da applicare e sono scritti, spesso, come pura tecnica di link baiting in cui, puntualmente, cascano tutti.

Pubblicità
SEMrush

Molti obiettano che queste tecniche siano innocue, tutto sommato suggeriscono solo dei trend e non tutti sono obbligati a seguirli: ho sembra risposto a queste persone che questo genere di approccio alla SEO è fuorviante e sostanzialmente cattivo, nonostante tutto. Questo perchè sbaglia metodo dall’inizio, e perchè inganna sulla falsariga del noto “correlation does not imply causation“. Due eventi possono insomma essere correlati e non avere nulla a che vedere tra loro, come affermato dal celebre esempio della religione parodica dei pastafariani. Per quanto dispiaccia ammetterlo, bisogna dedurne che buona parte del modus operandi di alcuni SEO è basato su una fallacia di presupposizione, cioè un equivoco dato per buono fin dall’inizio.

Dicono che le correlazioni corrispondono spesso a buone pratiche SEO, e quindi non ci sarebbe nulla di sbagliato nel seguire il trend; ma posso comunque seguire buone pratiche senza farmi deviare dalle correlazioni, che potrebbero spingermi a spingere esclusivamente alcuni fattori ignorando il resto. Per quanto credibili possano essere, si tratta pur sempre di correlazioni spurie, le stesse mostrate su Tylervigen (tra le migliori: esiste una correlazione di oltre il 99% – quindi altissima – tra le spese americana per scienza, spazio e tecnologia e numero di suicidi per impiccagione, strangolamento e soffocamento; significa per caso che se gli USA decideranno di spendere di meno nella ricerca diminuiranno i suicidi?).

Leggi anche
Se il tuo sito è stato penalizzato non disperare: ... Verificare la presenza di una penalizzazione di Google sul proprio sito è un problema concreto per molti di noi: di fatto, soprattutto le penalizzazio...
Il keyword stuffing ci inganna: è ora di cambiare ... In ambito SEO tutti dovremmo conoscere il keyword stuffing ed i problemi che può causare: su tutti, un prolificare di pagine web inutili per gli utent...
10 pre-requisiti da rispettare per poter fare SEO ... Molto spesso si pensa, sbagliando o banalizzando la questione, che per fare SEO basti manipolare un po' testo, title e contenuti delle pagine o al lim...
La “viralità” non si vende: non è un p... Con questo post mi piacerebbe chiarire una cosa che è rientrata in parecchie discussioni in passato, e che riguarda un’idea molto amata (a ragione) da...
Ha senso inserire un articolo in italia su un gues... L'inserimento di articoli sul web, o article spinning nei casi "industrializzati", è una pratica molto diffusa in ambito SEO: l'articolo è ovviamente ...
Guida rapida al Google Disavow Tool In questo articolo proverò a descrivere nel dettaglio il funzionamento del link per il disavow dei link, cioè il tool ufficiale di Google che permette...