SEO “fast & furious”: guida pratica

La fretta, si sa, è cattiva consigliera: e questo vale soprattutto in ambito ottimizzazione per i motori di ricerca, non fosse altro che si tratta di un lavoro i cui benefici, se ben realizzato, si concretizzano soltanto nel lungo periodo. Eppure in certi casi serve un approccio SEO “sporco e cattivo”, e senza sconfinare nel cappello nero / black hat andremo a vedere, oggi, come (e se) sia possibile fare SEO veloce e senza fronzoli.

Di solito non è possibile farlo: il tempo di realizzazione di una consulenza SEO, infatti, tende ad allungarsi per una serie di ragioni:

  • tempi di approvazione dei link (DMOZ e qualsiasi altro sito abbia una politica editoriale non banale);
  • tempi di ricerca delle fonti;
  • brainstorming;
  • fase di try & test;
  • valutazione dei risultati.

Fermo restando quanto scritto, ed il fatto che raramente prima di 6 mesi vedrete dei risultati concreti, un lavoro SEO rapido potrebbe operare (ed usualmente opera) sull’incremento del volume di traffico sul sito, cioè portare più visitatori attivi ed interessati agli argomenti del sito possibili. Per farlo, si può anzitutto ricorrere ai forum tematici, con il massimo rispetto della netiquette dei siti e senza abusare degli spazi altrui. Per aggirare questi “blocchi”, il SEO potrebbe (nel breve periodo) concepire delle aree tematiche del sito che siano potenzialmente linkabili, ad esempio un blog o un’area di free download e via dicendo, ovviamente pertitente al resto del sito. I benefici non si noteranno subito, ma quantomeno avremo fatto qualcosa di intelligente per il nostro sito e favorito la circolazione del brand nel lungo periodo.

Per portare velocemente traffico al sito, del resto, si può sfruttare un sito come OkNotizie o fai.informazione, a patto che il vostro sito ospiti notizie e che siano abbastanza interessanti per l’utente medio (postare comunicati stampa o “abbiamo aperto una nuova sezione del nostro sito” non è interessante quasi per nessuno, per intenderci). Un altro modo per fare link building rapida, ovviamente, è quello di ricorrere alle directory, specialmente quelle riservate alle aziende piuttosto che quelle, più orientate allo spam che altro, generaliste. Altre strategie sono da valutarsi nel medio-lungo periodo.

Leggi anche
Condizioni d’uso per le consulenze SEO Con questo nuovo articolo vorrei brevemente segnalare un modello di condizioni d'uso, rilasciate da me con licenza Creative Commons, utilizzabili per ...
I 12 miti SEO più pericolosi di sempre Non è arte, non è una scienza esatta e periodicamente ci fa disperare, divertire e lavorare duramente: nel mondo dell'ottimizzazione e della sua divul...
Google pubblica un nuovo documento ufficiale sul q... Da qualche giorno Google ha deciso di pubblicare sul proprio blog ufficiale un importante documento ufficiale, ovvero quello relativo alle linee guida...
Guida operativa ai tag di SEO Yoast: %%title%%, %%... Che SEO Yoast sia uno dei plugin più usati di WordPress credo di poterlo affermare senza rischiare quasi nulla; del resto, le alternative di plugin SE...
Come indicizzare un sito Premessa Indicizzare un sito, senza scendere in dettagli tecnici, equivale a "farlo conoscere" ad un motore di ricerca (Bing, Google, ecc.) in modo c...
La prima pagina su Google non deve essere un’... Secondo varie definizioni di SEO che si sentono o leggono in giro, lo scopo delle ottimizzazioni è quello di "migliorare (o mantenere un elevato) posi...