Guida operativa ai tag di SEO Yoast: %%title%%, %%sitename%%, …

Che SEO Yoast sia uno dei plugin più usati di WordPress credo di poterlo affermare senza rischiare quasi nulla; del resto, le alternative di plugin SEO non sono poche, per cui ognuno potrà valutare con quale si trova meglio in relazione alle proprie necessità. SEO Yoast non è l’unico ed il solo plugin SEO per WordPress, ovviamente, ma è di sicuro uno dei più popolari.

Cos’è SEO Yoast

La cosa che deve essere chiara è che Yoast, come qualsiasi altro plugin equivalente, è solo uno strumento nelle nostre mani: non può garantire nulla, da solo, sul piano delle prestazioni, e non è diverso – tecnicamente parlando – da un banale cacciavite. Senza cacciavite è difficile lavorare, ma tutto sta nella sensibilità e nel grado di conoscenza di chi lavora sulle viti stesse.

I tag di SEO Yoast: introduzione

I tag quelli che sono contenuti tra due gruppi di doppi simboli %, per intenderci – sono una delle caratteristiche più sottovalutate dell’intero plugin; e questo è strano, se non altro, visto che si tratta di una caratteristica dal potenziale molto interessante. Essi vi permettono di agire sull’aspetto dei vostri risultati di ricerca, o almeno di poter testare l’impatto delle modifiche sul titolo e sulla descrizione senza essere costretti a modificare i contenuti (…e scusate se è poco). Il vero problema di questo plugin è, semmai, il fatto che insista su concetti fuorvianti come la keyword density, oltre alla presenza del famigerato semaforo, un tool piuttosto stupido (e pieno di errori, ha notato di recente Giorgio Taverniti) capace di deviare l’attenzione come pochi.

Chiarito questo, direi di passare ad un’analisi dei vari tag riportando un po’ di possibili usi. Tenete conto che non si tratta di regole da copia-incollare come capita, e che bisogna sempre tenere conto del contesto in cui lavoriamo, degli obiettivi da raggiungere e – non ultimo – di come il theme utilizza ogni singolo tag.

Come si usano i tag di SEO Yoast

A cosa servono i tag di Yoast come %%title%% e via dicendo? In breve, essi sono utili a fornire a WordPress un template, ovvero un modello di meta-dati (quindi title, meta-description, ecc.) su cui il blog potrà basarsi globalmente. Ad esempio, un titolo come:

%%title%% %%sep%% %%sitename%%

servirà a garantire titoli di post del genere:

  • Questo è il titolo di un articolo – miosito123.it
  • Questo è il titolo di un altro articolo – miosito123.it

Non fatevi confondere dall’aspetto poco user-friendly dei tag: %%title%% %%sep%% %%sitename%% andrebbe scomposto in tre parti (ognuna separata da uno spazio):

  1. %%title%%
  2. %%sep%%
  3. %%sitename%%

per capirne correttamente la forma: prima il titolo della pagina, poi il separatore, infine il nome del sito web.

Passiamo ai singoli casi più importanti.

Titoli degli articoli

  • Articoli – Titolo del template. Nel pannello “Titoli & Metadati” questa sezione si trova nella sottosezione “Tipi Articolo”: esso rappresenta il titolo dei singoli post del vostro sito. A differenza di altri plugin (SEO Ultimate, ad esempio), Yoast non permette di effettuare modifiche sui titoli singoli, ma di impostare gli stessi a livello globale fornendone una struttura di massima (un template, si diceva poco fa). La cosa migliore, in questi casi, è quella di inserire certamente il tag %%title%%, con l’accortezza di includere l’eventuale numero di pagina %%page%% seguito dal nome del sito, cioè %%sitename%%. Tutto questo si traduce in un template come %%title%% pag. %%page%% %%sep%% %%sitename%% (i numeri di pagina non compaiono se non necessari). Impostando questi campi, avremo la possibilità di controllare i titoli di tutti gli articoli del nostro sito. Altri tag utili che si possono inserire, se volete: %%primary_category%% (che inserisce il nome della categoria principale del post), %%category_description%% (che inserisce la descrizione della categoria principale del post), %%pt_single%% (tag che serve ad inserire il nome del tipo di post, al singolare), %%id%% (che inserire l’ID univoco della pagina), %%currentdate%% (la data del post).

Meta-descrizioni degli articoli

  • Articoli – Campo descrizione. Questo campo viene trascurato di default da Yoast, e francamente faccio fatica a capirne il motivo; piuttosto che lasciare la meta description della pagina vuota, quindi, potete inserire il tag %%excerpt%% – %%sitedesc%% che aggiungerà in automatico un excerpt della pagina (se esiste), cioè un estratto generato in automatico,seguito dalla descrizione generale del sito (quella che avete inserito in Impostazioni – Generali). Attenzione che già qui esiste una criticità, in quanto non tutti i theme forniscono un supporto uniforme agli excerpt dei post e, soprattutto, non sempre ha senso questo tipo di configurazione (ad esempio se i vostri articoli contengono solo video o gallerie di immagini). Altri tag utili che si possono inserire, se necessario: %%primary_category%% (che inserisce il nome della categoria principale del post), %%category_description%% (che inserisce la descrizione della categoria principale del post), %%pt_single%% (tag che serve ad inserire il nome del tipo di post, al singolare), %%id%% (che inserire l’ID univoco della pagina), %%currentdate%% (la data del post).

Titoli delle pagine

  • Pagine – Campo title. Anche qui, come avvenuto per gli articoli, potete valutare di inserire %%title%% pag. %%page%% %%sep%% %%sitename%%, che è sostanzialmente la stessa struttura degli articoli.

Meta-descrizioni delle pagine

  • Pagine – Campo descrizione. Analogamente alla pagina, potete valutare di inserire %%excerpt%% – %%sitedesc%% (o anche solo %%excerpt%%). %%excerpt_only%% permette, per la cronaca, di caricare esclusivamente l’excerpt della pagina (se l’avete inserito e se il theme lo supporta) senza auto-calcolarlo dal contenuto della stessa. Mi sembra il caso di notare, a questo punto, che un ottimo criterio per stabilire la presenza / assenza di un tag è legato al livello di ridondanza della pagina; è inutile ripetere più di una volta le medesime informazioni, e (prendete questa notizia come una semplice statistica) ho sempre avuto la sensazione che a funzionare meglio siano, in generale, le combinazioni title/meta description più equilibrate, informative per l’utente e prive di inutili e/o ridicole ripetizioni.

Titoli delle categorie

  • Categorie – Titolo. Nel pannellino “Tassonomie” trovate questa importante sezione che è utile, di norma, per ottimizzare gruppi di contenuti che rientrino sotto la stessa sezione. Il titolo della categoria dovrebbe contenere il tag %%term_title%% che rappresenta il nome della stessa, pervenendo così ad un template di titolo come %%term_title%% %%page%% %%sep%% %%sitename%%.

Meta-descrizioni delle categorie

  • Categorie – Descrizione. Anche qui il campo viene lasciato un po’ inspiegabilmente vuoto; sono solito popolarlo col tag %%category_description%%, perchè è in grado di inserire la descrizione di ogni singola categoria. Descrizione che, ovviamente, dovrete andare a popolare per ognuna da Articoli -> Categorie.

Come impostare i tag di Yoast

Salvo casi particolari, la maggioranza dei blog si può ottimizzare in modo piuttosto pacifico con le sole indicazioni che vi ho fornito. Ovviamente qualche sforzo extra è richiesto se trattate tipi di post personalizzati (events, ad esempio), se ottimizzate immagini (il che non è mai banale) e se avete ad esempio un sito focalizzato su un determinato aspetto chiave, per cui ricordo che nei campi di Yoast potete inserire anche stringhe prefissate.

Questo non significa che dobbiate farlo, sia chiaro, o che sia una bella idea riempire le vostre meta-descrizioni di parole ripetute (di fatto è keyword stuffing).

Tag ulteriori

Altri tag poco noti e potenzialmente utili potrebbero essere:

  1. %%sep%% che, se non fosse chiaro, è il separatore che avete personalizzato nella home del plugin (per intenderci: – , | , … );
  2. %%tag_description%% che fornisce la descrizione di un tag (pagine singole dei tag, ma anche qui dovrete popolarle una ad una o non vedrete nulla);
  3. %%name%% rappresenta il nickname dell’autore del post in questione, il che vi permette di popolare title o description con il nome degli articolisti;
  4. %%page_total%% fornisce il totale del numero di pagine del post, ammesso che il post sia paginato ovviamente;
  5. %%term_description%% che fornisce la descrizione di un term (pagine singole dei term, in pratica sono spesso i tag o le categorie dei tipi di post personalizzati).

Riferimenti: Guida ufficiale di SEO Yoast

Leggi anche
Come togliere una penalizzazione di Google ad un s... La rimozione delle penalizzazioni di Google è forse uno degli aspetti che preoccupano maggiormente i webmaster, specialmente quelli meno orientati all...
8 punti critici per ottimizzare un sito multilingu... Realizzare un sito multilingua è difficile già di suo e, come spiegavo anche in un altro articolo (leggi: Come realizzare un sito multilingua), includ...
SEO per siti di giochi, come farla I portali di giochi sono molto interessati ad attività SEO, e in diversi casi mi è capitato di farci consulenza in ambito di ottimizzazione sui motori...
Come cercare su Google (con esempi) Come si fa a cercare una cosa specifica su Google? Una guida per fare le ricerche su Google non poteva che trovare spazio, del resto, in un blog SEO; ...
Come fare SEO per siti di e-commerce La SEO sui siti di e-commerce è probabilmente la migliore, se possiamo dire così, sia a scopo didattico (per imparare questo mestiere) che puramente r...
Ottimizzare un sito in ottica SEO: indicazioni di ... Fare SEO per il tuo sito può essere spesso un'esperienza stimolante e ricca di spunti sempre nuovi, a patto di disporre della sufficente flessibilità ...