Il mito degli H1 multipli

Se sei un webmaster o stai ottimizzando il tuo sito, c’è una domanda che dovresti esserti posto almeno una volta nella vita: quanti tag di heading <h1> posso utilizzare per pagina, e come dovrei sistemarli esattamente? Si tratta di un quesito legato all’architettura informativa della pagina web che state realizzando, e per quanto sia un aspetto importante esso subisce una sostanziale ipervalutazione in ambito SEO. Tutto questo per un motivo molto banale: è una cosa semplice da maneggiare per chiunque abbia smanettato in HTML5 per più di un paio d’ore, per quanto non sia ancora stata capita troppo bene. E a molti SEO (o presunti tali) piace un sacco masturbarsi mentalmente su cose semplice pur di non affrontare la dura realtà delle cose, in molti casi.

Per molti anni, infatti, una “regola” abbastanza ripetuta su forum e blog di settore, di riflesso anche di argomento SEO, era legata ad una sorta di “dieta ferrea”: mai inserire più di un <h1> per pagina, è un errore! Il sito poi non si ottimizza, o si posiziona! In realtà bisognerebbe rivedere l’approccio in modo meno banalizzante e drammatizzato di così: in HTML4 esiste effettivamente questa regola per cui l’heading H1 deve essere singolo, ma in HTML5 (la codifica più moderna che probabilmente il vostro sito utilizza, a meno che non sia stato realizzato molto, molto tempo fa) questo limite di fatto non esiste (anche se non esiste ancora documentazione chiara del W3C in merito). Quindi si tratta di una classica questione che si avvolge inutilmente su sè stessa, e della quale non vale la pena spendere nemmeno troppe parole – specie se si pretende presuntuosamente di ottimizzare il sito web per i motori di ricerca maneggiando alla meno peggio questo tag. Di fatto, comunque, c’è da dire che a livello pratico la presenza di H1 multipli, per quanto non sia per forza sbagliata di per sè, impedisce ad alcuni tool SEO di funzionare correttamente, proprio perchè tali strumenti non ragionano in modo corretto a monte.

Si assume comunemente infatti che, in qualche modo non meglio specificato, il numero associato agli heading HTML sia legato alla “priorità” o “importanza” rispetto al resto del contenuto, ed sarebbe quindi per questa ragione che sarebbe preferibile, in una corretta ottimizzazione on-page, inserire un singolo <H1> per pagina.

In realtà con l’avvento di HTML5 le cose sono cambiate: se utilizzate un theme moderno sul vostro sito c’è un’enorme possibilità che sia stato codificato in questa versione, per cui non c’è ragione di limitarsi ad un singolo H1 per pagina o considerare un errore il fatto di usarne più di uno perchè lo standard di HTML5 permette, di fatto, che ci siano più di un H1 per pagina. Ovviamente questo non vuol dire farne un uso spropositato o privo di senso, perchè il markup HTML5 deve mantenere intatta una certa semantica (cioè gli heading devono rimanere intestazioni, non paragrafi o altro), ma questa è una cosa più squisitamente tipografica – o al limite legata alla UX che altro. Tra l’altro, chi vi dice che la priorità espressa da una pagina HTML coincida con quella dei motori di ricerca, che nessuno sa esattamente come valutino le pagine?

Eccovi alcuni esempi di buone pratiche che metto spesso in atto sui siti che curo ed ho curato in passato. Gli heading vanno posti nella pagina possibilmente in ordine (da <h1> a <h6>), cercando ad esempio di differenziarli tra loro se fossero multipli:

<h1>questo è un heading</h1> …

<h1><span class=”other”>questo è un altro heading</span></h1>

In genere, poi, gli heading non vanno innestati dentro <section> o <aside> o <article>, ma devono trovarsi sempre all’esterno; per non sbagliare, basta utilizzare un theme che sia validato dal W3C validator, oppure basta partire a scrivere il theme da zero sfruttando un idoneo HTML5 boilerplate. Nella mia esperienza, molti theme anche ben realizzati graficamente e commercialmente disponibili sui vari ThemeForest non rispettano queste regole, o le ignorano del tutto.

Una cosa che faccio spesso, poi, per cercare di migliorare la reperibilità da più query di ricerca di una pagina web è sfruttare <title> e <h1> come campi differenti, riscrivendo in modo diverso il contenuto della pagina stessa. Ad esempio invece di avere in una pagina (che assumiamo di voler ottimizzare per “tutorial SEO” e “come usare SEO”, tanto per fare un esempio):

<title> Tutorial SEO sugli h1 </title> […]

<h1> Tutorial SEO sugli h1 </h1>

preferisco:

<title> Tutorial SEO sugli h1 </title> […]

<h1> Come usare gli H1 nella SEO </h1>

Si ricorda inoltre che la priorità nella pagina HTML5 (quella espressa dai tag heading in genere) non ha nulla a che vedere con la priorità di Google, che valuta la pagina in modo molto più complesso di così (considerando link esterni, title, pertinenza) e non in modo così miope o localizzati. In genere, quindi, non c’è motivo per limitarsi a considerare che più di un H1 per pagina HTML5 sia un errore, mentre in genere per il vecchio HTML4 questo rimane da considerarsi tale.

Il fatto che non sia un problema usare <h1> multipli in una pagina HTML5 è confermato ufficialmente anche da Google, come è possibile sentire in questo video.

 

Leggi anche
Condizioni d’uso per le consulenze SEO Con questo nuovo articolo vorrei brevemente segnalare un modello di condizioni d'uso, rilasciate da me con licenza Creative Commons, utilizzabili per ...
Se il tuo sito è stato penalizzato non disperare: ... Verificare la presenza di una penalizzazione di Google sul proprio sito è un problema concreto per molti di noi: di fatto, soprattutto le penalizzazio...
10 pre-requisiti da rispettare per poter fare SEO ... Molto spesso si pensa, sbagliando o banalizzando la questione, che per fare SEO basti manipolare un po' testo, title e contenuti delle pagine o al lim...
Come usare i meta-tag ROBOTS Il meta tag ROBOTS presenta tipicamente un duplice attributo name e description, ed è un tag delle pagine utilizzabile per definire le politiche di in...
Pubblicare gratis comunicati stampa, article marke... In questa pagina vedremo una lista di siti web con cui è possibile fare link building a costo zero. Sarà anche una pratica fin troppo abusata, non sem...
Le 10 discussioni più inutili in ambito SEO Sulla falsariga degli ultimi post, provo a proporvi la lista delle discussioni più inutili che ho sentito fino ad oggi in ambito SEO (di recente, alme...