5 verifiche da fare subito se il traffico del tuo sito è in calo

Se le visite sono in calo e provengono da una fonte come un motore di ricerca (tipicamente Google), c’è da dire che le cause possono essere varie, e quelle presentate di seguito potrebbero anche presentarsi contemporaneamente.

La prima possibile causa che bisogna considerare se avete un calo di visite, è verificare che non ci siano stati cambiamenti drastici nel nostro sito, a livello di struttura (menù, organizzazione interna) e di contenuti (post, pagine, video, sezioni interattive). Per quanto sembri banale, è spesso ciò su cui si lavora concretamente. Analizzando Google Analytics, ad esempio, è possibile ad esempio concentrare l’attenzione sulle pagine più visitate, e verificare che non ci siano variazioni importanti proprio su quei post. In molti casi, sarà possibile individuare la fonte di traffico che è interessata al calo più fattivamente, e prendere provvedimenti in funzione di ciò. Al di là di questo, bisogna verificare che tutto il sito sia stato perfettamente scansionato da Google, verificando htaccess e robots.txt, e facendo dei test con i crawler della Search Console. Certo è che, di fatto, non sempre questi strumenti riescono a darci le risposte che ci aspetteremmo, specie se usati con scarse conoscenze tecniche.

Pubblicità
SEMrush

Una seconda analisi dovrebbe riguardare l’andazzo generale del mercato di riferimento del sito: come è cambiato rispetto a Google? È possibile che alcuni cambiamenti negli snippets abbiano portato ad una diminuzione dei CTR (verificabili via Search Console)? Domande a cui troveremo risposta dopo un po’ di confronti e/o mediante un’analisi puntuale e quattro chiacchiere con il nostro referente, di solito.

In terzo luogo,  è necessario considerare ciò che stanno facendo i concorrenti del settore (eventualmente nulla): ovviamente ci riferiamo alla parte “misurabile” del discorso, visto che potrebbero esserci moltissime zone oscure che sono impossibili o molto difficili da indagare (ad esempio: hanno cambiato SEO e ne hanno preso uno meno incompetente 🙂 ).

L’ultima cosa da considerare è che non siano in corso cambiamenti algoritmici all’interno di Google: ma qui si ragioni per ipotesi (spesso poco o per nulla “scientifiche”), per cui mi sembra inopportuno spendere troppo tempo a lambiccarsi su possibilità del genere. Senza contare che, ad esempio, l’annuncio di un cambiamento algoritmo è raramente in “tempo reale” rispetto all’Italia, per cui il rischio è quello di imbattersi in correlazioni inesistenti o del tutto casuali. In molti casi, infatti, basta intervenire sulla struttura del sito o analizzare meglio i punti precedenti.

Recuperare il traffico perso non è facile, ma un buon SEO può e deve saperlo fare per essere considerato davvero tale.

Leggi anche
Valutare l’intento commerciale di una ricerc... Ho scritto qualche tempo fa nell'articolo sulla presunta "morte" della SEO che un conto è posizionarsi per come installare joomla!, un altro è farlo p...
8 punti critici per ottimizzare un sito multilingu... Realizzare un sito multilingua è difficile già di suo e, come spiegavo anche in un altro articolo (leggi: Come realizzare un sito multilingua), includ...
I tre strumenti fondamentali per lavorare con la S... Farsi aiutare dai software è doveroso durante qualsiasi attività SEO, e questo perchè i dati da analizzare sono quasi sempre di diversa (backlink, fon...
Come posizionarsi bene su Google: uno studio che l... In questo articolo cercherò quindi di essere aderente alle considerazioni ed alle difficoltà che si riscontrano nelle attività SEO, in particolare que...
Perchè il tuo sito ha bisogno di traffico qualific... Persi in considerazioni che tendono spesso a diventare sterili, ad esempio sul PageRank come sul numero di link in ingresso, o (ancora) sul mettere la...
Perchè gli indici SEO non servono a niente In rete trovati molti indici SEO di riferimento, soprattutto nelle procedure di compra-vendita dei domini PageRank, PA, PD, AlexaRank e molte altre. L...