Quali garanzie può dare la SEO?

Come in numerose altre attività, la “garanzia” sul lavoro eseguito – come si direbbe in altri ambiti “a regola d’arte” – è spesso difficile da ottenere perchè difficile da definire precisamente. Suona sgradevole, forse, ma è bene dirlo a chiare lettere da subito. Questo rende a mio avviso il settore delle consulenze SEO decisamente complesso, più di quanto possa sembrare a prima vista. Il problema, a mio parere, infatti, è che molte cose della SEO sono lasciate un po’ a decisioni e misurazioni “a spanne”: basti pensare che, ad esempio, non esiste un’unica definizione di posizionamento organico, visto che la stessa ricerca può produrre due risultati differenti dal computer nostro e da quello del cliente. Se c’è questo problema di fondo, come farò a dire che il lavoro è finito o meno?

I risultati garantiti, mi sento di dire, a questo punto sono impossibili da garantire, e questo vale soprattutto per la “prima posizione garantita“, che molte aziende “garantiscono” (in modo, mi permetto di dire, vagamente truffaldino) utilizzando Google Adwords, in molti casi, senza dirlo al cliente. L’unico modo per avere questa certezza, infatti, è quello di ricorrere al traffico a pagamento, visto che lavorando di SEO “pura” è molto difficile, a volte impossibile, avere risultati certi. Nessun SEO può garantire la prima posizione a nessun sito, e questo è bene ribadirlo a piene lettere e con piena responsabilità di ciò che si dice.

Quello che si fa mediante l’ottimizzazione di un sito, infatti, è legato più che altro all’incremento delle visite, delle visualizzazioni sui motori di ricerca, dei click e delle conversioni, ammesso che si lavori bene: il cliente meno avvezzo alle misurazioni ed alle percentuali statistiche potrà convincersi della bontà del nostro lavoro misurando non tanto posizione sui motori di ricerca o numero di visite quanto, ad esempio, il numero di vendite. Se un cliente di un SEO vende, potrà quindi avere un feedback piuttosto concreto, senza che – come spesso accade – il consulente sia costretto a “convincere” della bontà del proprio lavoro il cliente. Certo, è difficile lavorare in modo convincente se ad esempio stiamo “semplicemente” (si fa per dire, ovviamente) ottimizzando il sito o la link building o l’aspetto generale nei risultati di ricerca di un sito.

Un buon lavoro SEO non garantisce nulla perchè non può prevedere il futuro: non siamo veggenti, imbonitori o chiromanti, bensì professionisti che cercando i mettere i siti dei nostri clienti nelle migliori condizioni possibili. E la cosa, per inciso, deve essere retribuita adeguatamente, perchè non è affatto cosa di poco conto: è importante, pero’, che gli utenti siano abituati a comprendere il valore dell’ottimizzazione per i motori di ricerca, e questo si può fare ad esempio sfruttando un buon corso di formazione.

Leggi anche
Cosa fare se un sito non appare su Google Se il tuo sito non viene indicizzato o non è visibile su Google, leggi quello che segue e potrai chiarirti le idee. Uno dei comportamenti più difficil...
Guida rapida ai più comuni indici di prestazioni S... PA (Page Authority) La PA è uno dei parametri più valutati in ambito SEO, soprattutto quando si tratta di valutare il potenziale di un backlink dalla...
Il consulente SEO deve conoscere l’argomento... Domanda che in molti si sono fatti: se sono un SEO esperto posso ottimizzare qualsiasi sito, dai casinò online agli e-commerce di ricambi per l'auto? ...
In prima pagina su Google: con Adwords Tempo fa parlavo con un amico del sito web di un villaggio turistico della mia zona, il cui proprietario (parole del mio amico) "ha pagato Google" per...
Ha senso inserire un articolo in italia su un gues... L'inserimento di articoli sul web, o article spinning nei casi "industrializzati", è una pratica molto diffusa in ambito SEO: l'articolo è ovviamente ...
SEO e WordPress: la guida che pensa fuori dal greg... Iniziamo in questi termini: non esiste una SEO specifica per WordPress, e chi sostiene il contrario è mal informato o in malafede del tutto. Molte sce...